Tutto pronto – e sold out - per la seconda edizione romana del Gran Premio di Formula E, la competizione internazionale per macchine da corsa ad alimentazione elettrica. Sabato 13 il quartiere EUR sarà protagonista del settimo appuntamento del campionato ideato dalla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) che, dal 2014 – con l’EPrix di Pechino – ha raccolto sempre più interesse da parte degli appassionati e, soprattutto, dei costruttori. Quest’anno infatti la FIA ha omologato anche Mercedes e Porsche quali costruttori di categoria e proprio la Mercedes EQ Silver Arrow 01 ha ultimato i test per il debutto ufficiale del prossimo anno. Al contrario della maggior parte delle categorie automobilistiche, le gare di Formula E vengono disputate quasi esclusivamente su circuiti urbani, con una lunghezza compresa tra i 2 e i 3 km. L’obiettivo degli organizzatori è infatti quello di portare la categoria tra le strade delle più grandi città del mondo.

A Roma 11 team e 22 piloti percorreranno 2,84 km di circuito con 22 curve. Per l’occasione il centro congressi Nuvola verrà trasformato per l’occasione nell’E Village, un padiglione visitabile gratuitamente dove saranno presenti simulatori di guida, auto elettriche, stradali delle case automobilistiche presenti al campionato (Audi, Jaguar, Nissan), zone per bambini e l’area in cui incontrare i piloti, dove alle 14:10 di sabato è in programma la sessione di autografi. Partenza in via Cristoforo Colombo alle ore 16:00 e, da lì, le monoposto si dirigeranno verso l’Obelisco di Marconi sfiorando poi il Colosseo. Quindi via verso il Roma Convention Center, il Palazzo dei Congressi di via Kennedy, il Salone delle Fontane e il Palazzo delle Civiltà del lavoro.

Sono attese 35.000 persone e, per la prima volta nella storia della Formula E, le Frecce Tricolore sorvoleranno il circuito del GEOX Roma E-Prix 2019.

 

Rossella D’Alessandro