"Non vedo l'ora di lavorare con il nuovo Governo italiano". Sono le parole del presidente della Commissione Europea Frans Timmermans, laburista olandese. "Il governo Conte bis è un bene per l'Europa e penso che abbiamo un governo in Italia che è chiaramente impegnato su linee pro europee, per trovare soluzioni comuni con il resto dell'Ue", aggiunge Timmermans. Un endorsment, quello dell'olandese, che conta molto a Bruxelles. Visto che Timmermans resterà ai vertici della Commissione guidata da Ursula von der Leyen, visto che era lo Spitzekandidat dei Socialisti alle elezioni europee. 

 

Il cambio di linea dell'Italia (da oggi molto più europeista) porrà Bruxelles in condizioni più agevoli sia per concedere flessibilità economica all'Italia, sia per collaborare più attivamente alla redistribuzione nei Paesi Ue dei migliaia di migranti che sbarcano ogni anno sulle coste italiane. 

E in questo senso va letta anche l'indicazione di Paolo Gentiloni come Commissario europeo espresso dal nostro Paese.

Roma ha fatto il suo passo in avanti in una trattativa no-stop con le Istituzioni comunitarie. Ora tocca a Bruxelles concretizzare le sue aperture.

 

Paolo Bozzacchi