"La sua candidatura danneggerà Biden". Così Donald Trump nel giorno del tam tam di indiscrezioni sulla discesa in campo del tycoon Michael Bloomberg nella corsa democratica alle Presidenziali USA 2020. "Little Michael non farà bene", ha chiosato il Presidente Trump. L'imprenditore miliardario valuta di scendere in campo nelle presidenziali Dem, preoccupato che gli attuali candidati non siano sufficientemente forti per sfidare il repubblicano Donald Trump. Secondo fonti vicine a Bloomberg, il 77enne dovrebbe presentare oggi stesso la sua candidatura formale in Alabama. Tuttavia, la decisione non sarebbe ancora definitiva. Sinora i candidati alle primarie Dem sono 17, tra cui i favoriti rimangono l'ex vice presidente Joe Biden, la senatrice Elizabeth Warren e il senatore Bernie Sanders. Mike (e non Michael) Bloomberg spenderebbe tutto il necessario per battere President "The Donald", ha anticipato il New York Times. "Il Paese sta per vedere una campagna elettorale molto diversa da quelle viste finora", ha rivelato una fonte vicina a Bloomberg. Infatti, dovesse scendere in campo, sarebbe una battaglia a suon di miliardi di dollari, visto che Bloomberg ha un patrimonio personale stimato in 52 miliardi, mentre Donald Trump si aggira poco sotto i 4 miliardi di euro.

Bloomberg aveva fatto sapere di valutare una discesa in campo solamente se Biden avesse perso consensi in favore della Warren, considerata troppo trascinatrice dei Dem a sinistra e dunque poco competitiva.